Dep Art OUT

Follow us on instagram

Dep Art Out

Dep Art Out
programma eventi agosto 2022

Prosegue a Ceglie Messapica (Puglia) l'attività dello spazio milanese della Dep Art Gallery, chiuso per il periodo estivo.
Dep Art Out ne raccoglie idealmente il testimone proponendo dapprima una mostra di Wolfram Ullrich, da sempre tra gli artisti più rappresentativi del programma espositivo di Dep Art, e poi rivolgendo un omaggio ai due pionieri della video arte: Nam June Paik e Wolf Vostell

 


Wolfram Ullrich

22 agosto 2022
dalle 19.00 alle 21.00
Plus code: MF22+RJ Ceglie Messapica, Provincia di Brindisi

Wolfram Ullrich è il primo degli artisti invitato a realizzare una installazione site specific per Dep Art Out.
L'artista propone una nuova produzione intitolata GAP, parola che indica lo spazio vuoto, lavorando in una alternanza di spazio e non spazio. L'opera è costruita in ferro, lasciato arrugginire proprio da quell'aria che lo attraversa. Questo è l'omaggio al territorio di Wolfram Ullrich che, per una volta, presta la sua ricerca artistica che si esprime nel rigore della geometria di derivazione costruttivista, ad una interazione con la natura e al territorio.


VIDEO DUET: Nam June Paik e Wolf Vostell
I pionieri della videoarte

a cura di Gianluca Ranzi

29 | 31 agosto, ore 19 – 21
visita su prenotazione 388 8550083

Nam June Paik (1932-2006), pioniere della video arte fin dalla sua mostra alla Galerie Parnass di Wuppertal nel 1963, rende omaggio all’amico Joseph Beuys manipolando elettronicamente il filmato della loro performance tenuta il 2 giugno 1984 alla Sogetsu Hall di Tokyo. Il video, presente nella videoteca della Fondazione Mudima, che nel 1990 ha ospitato la personale dell’artista coreano e nel 1994 ha curato la sua mostra all’Arengario di Milano, evidenzia l’interazione performativa tra la vocalizzazione sciamanica di Beuys e l’esecuzione di Paik al pianoforte di motivi classici e di canzoni tradizionali giapponesi. La visualizzazione del suono, l’intermedialità e la mobilitazione fantastica del linguaggio ottenuta attraverso la tecnologia, contraddistinguono l’opera di Paik e raggiungono in questo video una particolare intensità poetica.
© The Nam June Paik Estate

 

Wolf Vostell (1932-1998), artista Fluxus e promotore dell’Happening in Europa ha cominciato fin dal 1959 a ideare opere che coinvolgevano attivamente i media tecnologici, manipolando televisori e apparecchi audio-visivi di ogni sorta, spesso inserendoli all’interno delle sue action-dé-coll/age. Nel video di Endogene Depression ad esempio, qui nella versione presentata nel 1980 all’Institute of Contemporary Art di Los Angeles, la presenza dei televisori, inglobati nel cemento, alcuni dei quali accesi e con il suono e l’immagine manipolati elettronicamente, è associata al girovagare dei tacchini, a sottolineare il contrasto tra l’artificialità della macchina e la verità del mondo naturale. A differenza di Paik, come emerge da questo video, Wolf Vostell si preoccupa quindi di criticare gli effetti imposti dalla televisione come rituale schizofrenico e alienante.
© The Wolf Vostell Estate