Artista Opere Quadri Biografia Vita Alberto Biasi

Alberto Biasi

Home Page DepArt Artists
ARTISTI
Exhibition
MOSTRE
Fairs
FIERE
Gallery
GALLERIA
Books
PUBBLICAZIONI
Archivio
SIMETI
Foto Alberto Biasi

Back to Artists    TORNA ALLA LISTA ARTISTI

 

Biografia di Alberto Biasi

Works    OPERE

Biography    BIOGRAFIA

Exhibitions    MOSTRE

Alberto Biasi (Padova, 1937)
è un protagonista assoluto della storia dell’arte italiana del dopoguerra. La sua figura è una delle più coerenti e autorevoli a livello internazionale nel campo di quella che in Italia è stata definita “arte programmata”, o anche “arte cinetica”, e altrove “optical art”. Dal 1959, anno che segna l’esordio delle ricerche artistiche del giovane Biasi, a oggi, la sua attività si è mossa costantemente all’insegna dell’indagine percettiva, attraverso cicli di lavori, ciascuno dei quali ha affrontato poeticamente e scientificamente alcuni problemi legati alla visione: dalle prime Trame alle famosissime Torsioni, dai Light Prisms agli Ottico-dinamici.
Nel 1988 tiene una sua antologica al Museo Civico agli Eremitani di Padova. Nel 2000 Biasi elabora una sintesi delle ricerche precedenti e crea gli Assemblaggi, soprattutto dittici e trittici prevalentemente monocromatici, d’impressionante effetto plastico e coloristico. Nel 2006 espone nelle Sale dell’Ermitage di San Pietroburgo.
Oltre alle dodici esposizioni del Gruppo Enne, Biasi ha allestito più di cento esposizione personali in prestigiose sedi come il Palazzo Ducale di Urbino, il Wigner Institute di Erice, il Museo della Cattedrale di Barcellona, il Museo Nazionale di Villa Pisani, la Galleria Nazionale di Praga e il MARCA di Catanzaro. Ha inoltre partecipato a più di cinquecento collettive, fra cui ITALIAN ZERO & avantgarde ‘60s al Museo MAMM di Mosca, la XXXII e la XLII Biennale di Venezia, la XI Biennale di San Paolo, la X, XI e XIV Quadriennale di Roma e le più note Biennali della grafica, ottenendo numerosi e importanti riconoscimenti.
Alberto Biasi (Padua, 1937)
is an absolute protagonist of Postwar art history. His figure is one of the most consistent and influential internationally speaking in the field of what in Italy was defined as "programmed art", "kinetic art", or, elsewhere, "optical art". Since 1959, the year which marked the debut, in terms of artistic researches, of the young Biasi, until nowadays, his activity has been constantly moving  in the name of a perceptual research, through groups of works, each of which poetically and scientifically confronted with some visual challenges: starting from the first Trame to the famous Torsioni, from Light Prisms to the Ottico-dinamici.
In 1988 he hold a retrospective show at the Museo Civico degli Eremitani in Padua. In 2000 Biasi elaborated a synthesis of his previous researches and created the Assemblaggi, especially diptychs and triptychs, mostly monochromatic, characterized by a great plastic and coloristic effect. In 2006 he hold an exhibition in the rooms of Hermitage in St. Petersburg.
In addition to the twelve exhibitions of Group N, Biasi set up more than one hundred solo exhibitions in prestigious venues such as the Ducal Palace in Urbino, the Wigner Institute of Erice, the Museum of Barcelona Cathedral, the National Museum of Villa Pisani, the National Gallery of Prague and the MARCA in Catanzaro. He also participated in more than five hundred group shows, including ITALIAN ZERO & avantgarde '60s at MAMM Museum in Moscow, the XXXII and XLII Venice Biennials, the XI, X, XI Sao Paulo Biennials, the XIV Rome Quadrennials and the more famous Graphics Biennials, obtaining numerous and important awards.